Crea sito

Home

 

Ricordo di Maria Antonietta Guadalupi
di Amelia Maellaro

04/02/2007
RICORDO DI ANTONIETTA GUADALUPI

Ho conosciuto Antonietta Guadalupi negli anni sessanta, non ricordo esattamente l’anno.
 Frequentavo un folto gruppo di Giovanissime dell’ Azione Cattolica nella Parrocchia S. Anna- Chiesa di S. Benedetto in Brindisi ed il Parroco era don Antonio Fella. Delegata del gruppo era l’amatissima Rosanna Guadalupi, nient’affatto parente con Antonietta.
   Antonietta era una bravissima ragazza, il suo volto era luminoso, la fronte ben spaziosa e gli occhi scuri erano esaltati da un paio di occhiali trasparenti; sempre pronta a dare a tutti buoni consigli o  a regalarti un sorriso.
 La sua voce era squillante ed argentina; quando iniziava un discorso, il  tono era dapprima lieve e sussurrante, poi il timbro della voce si faceva più sonoro ed alla fine esplodeva forte e piacevole , specialmente quando voleva spronarti ad andare  avanti.
 Le sue parole erano: “La tua coscienza è a posto?... ed allora?.....sù, ..sù… con la vita !”  e ti dava con la mano una pacca sulle spalle.
 Quando entrava in sacrestia il suo saluto era rivolto a tutti e ad alta voce, in modo che tutti potessero sentirla; nell’aria risuonava piacevolmente : “ Sia lodato Gesù Cristo”; risposta in coro : “Sempre sia lodato “ .
 L’ amicizia con Antonietta non fu improvvisa, anche perché, finite le riunioni, non si soffermava in chiacchiere sdolcinate di adolescenti oppure per fare passeggiate lungo il Corso di Brindisi, ma frettolosamente andava via. Qualche anno più tardi scoprii che aveva avuto un grande lutto :  aveva perso la mamma.   Così, da ragazza adolescente, era divenuta improvvisamente grande,  si notava in lei una maturità non consona alla sua giovane età, aveva il compito di portare avanti la famiglia, composta da papà Fortunato e da suo fratello Salvatore.
 Era lei che provvedeva alle spese, alle faccende domestiche, alla organizzazione della famiglia, all’apostolato in parrocchia e poi frequentava il Ginnasio ed era brava, desiderava diventare medico. Aveva le idee molto chiare, sapeva comunicarle, dava fiducia, ti faceva sentire importante ed era affettuosa con tutti, capace di dire grazie o scusa all’occorrenza, una forma di educazione poco diffusa tra le ragazze di quei tempi e di quella età. Quando in Parrocchia Adriana Medico diede le dimissioni da delegata Aspiranti di Azione Cattolica, il Parroco voleva delegare Antonietta, ma lei prontamente rispose che era un impegno troppo gravoso e fece il mio nome,

aggiungendo che mi sarebbe stata, come poi si è verificato, di supporto e di grande aiuto. C’era in Parrocchia un bel gruppo di adolescenti, che  dividemmo in squadre, uno guidato da Valeria Masella, uno guidato da Antonietta ed uno dalla sottoscritta.
 Un ricordo molto vivo di quel periodo fu quello di una adolescente, che si ammalò gravemente, rimanendo in ospedale per molti mesi. Aveva bisogno di molte trasfusioni ed il sangue non bastava mai. Il Parroco durante l’Omelia spronava i fedeli alla donazione, che non  era spontanea e numerosa come oggi, si temeva chissà che.
 Una domenica Antonietta ed io ci recammo in ospedale, al centro trasfusionale per donare il sangue, ma ce lo proibirono, perché eravamo minorenni, dovevamo essere accompagnati dai genitori. Io ero paurosa e titubante, invece Antonietta non si perse d’animo, chiese aiuto ad una signora che era lì, la quale mise una firma su un registro e permise all’infermiere di prelevare le nostre due sacche di sangue. Quella signora dichiarò che era nostra parente, io strinsi le spalle, avevo paura, ma Antonietta  mi rincuorò dicendo : “ E’ una bugia a fin di bene, non aver paura, sta tranquilla!“. Ci mandarono alla mensa dell’ospedale, offrendoci latte, caffè, merendine ed una fetta di carne arrosto, che a me sembrò enorme; io avevo timore, quasi mi vergognavo nell’affrontare  quella situazione e a mangiare quel che gli infermieri ci davano. Antonietta, invece, era ferrea,  padrona della situazione,  altruista e volitiva in qualsiasi momento. Devo ringraziare lei se il mio carattere è così cambiato, mi ha insegnato molto. E’ grazie a lei se ora sono così espansiva e spigliata, senza timidezza. (VIVA LA MODESTIA !!!!!!).
 Le  Aspiranti ci volevano un gran bene, ogni sabato pomeriggio davamo lezione  di catechismo, tutte erano sempre  assidue e puntuali alle lezioni   e,  giunto il periodo per ricevere la Cresima, una adolescente,  di  nome Passalacqua, chiese ad Antonietta  di farle da madrina; lei accettò con piacere. Alla fine di ogni anno sociale trascorrevamo tutte insieme una domenica in campagna o al mare; erano momenti indimenticabili per tutti: colazione al sacco,  foto di gruppo e tanta gioia.
 Con Antonietta cominciammo a frequentarci sempre più, spesso mi recavo a casa sua, mi piaceva andare insieme a lei in parrocchia e per strada parlavamo di tante cose. In chiesa eravamo sedute sempre vicine e durante la S. Messa lei intonava i canti ed io la seguivo con voce sommessa; occupavamo sempre il quarto posto a destra, oserei dire che la sua voce era angelica.
Più tardi cominciammo a studiare insieme, anche se lei frequentava il Ginnasio ed io l’Istituto tecnico. Andavo a casa sua e mi aiutava nelle materie letterarie; era bravissima e ricordo che io ero seduta in  cucina in via C. Colombo al piano terra, leggevo una sola volta, a voce alta, un capitolo di letteratura; lei apprendeva tutto immediatamente e lo commentava stando in piedi, mentre lavava i piatti o cucinava o stirava e poi con il testo chiuso me lo faceva ripetere.
Non era mai ferma, era sempre indaffarata, era così che studiava, in piedi , tra una faccenda e l’altra; era lei che mi correggeva i compiti di letteratura e gioiva sui miei risultati positivi; quando si trattava di matematica, e lei era meno forte, mi prendevo la rivincita.
Un altro avvenimento molto significativo della vita di Antonietta e del suo carattere molto forte ed esemplare fu quando lei, poco più che ventenne, affrontò la dolorosa perdita del caro padre Fortunato.
Erano circa le ore nove dell’ultimo giorno di gennaio, quando mi telefonò per comunicarmi che il padre aveva avuto un malore e che aveva chiamato l’ambulanza; era sola, il fratello era a scuola e mi chiedeva aiuto. Di corsa mi precipitai a casa sua, ma non c’era, di li a poco ritornò con il padre che era già deceduto. Io scoppiai in lacrime, non  sapevo che fare, ma lei, pallida in viso, con compostezza e grande forza d’animo mi spronava ad essere più calma ed affrontare la situazione, dividendoci i compiti. Mentre lei sistemava il padre insieme alla sua dirimpettaia, sig.na Ines, a me fu dato l’incarico di telefonare a scuola per far rientrare a casa il fratello Salvatore. Indescrivibile fu l’abbraccio fra i due fratelli; in un momento così tragico, era Antonietta che dava conforto e coraggio a Salvatore che si disperava; a distanza di tanti anni, ancora mi risuonano nelle orecchie le parole imperative dette al fratello : “ Adesso siamo ancora più soli,  dobbiamo avere molta fede,  forza e coraggio, insieme dobbiamo continuare ad andare avanti ed avere fiducia nel  Signore”.

AMELIA MAELLARO

da: iltimonebrindisi

Testimonianza | Poster | Sito ufficiale | Bozza Biografica | Don Amorth | Blog |

 


E Gesù Venne

 

1ª edizione settembre 2017
Collana I PROTAGONISTI
Formato 14 x 22 cm - BROSSURA ILLUSTRATO
Numero pagine 96
CDU 92C 179
ISBN/EAN 9788892212428

In un mondo avvezzo ai sensazionalismi, in cui si tende a vivere sempre più per se stessi, Antonietta Guadalupi è senza dubbio una figura in controtendenza. Donna coraggiosa, innamorata di Gesù, annunziatina e Assistente Sanitaria dell’Istituto Nazionale dei Tumori, ha reso la sua vita «del tutto normale, senza apparentemente far nulla di straordinario», un dono continuo a Dio e agli altri. Il suo eroismo è quello feriale di tanti padri e madri di famiglia, volontari, laici e consacrati che si consumano per un presente logorante ma gravido di futuro: un chicco di grano seminato con semplicità evangelica nella terra brulla delle nostre storie complesse.

Questo libro raccoglie la sua biografia, molti degli scritti, le testimonianze di chi l’ha conosciuta come amica e infermiera amorevole.

 

Edizioni San Paolo | Pagine Aperte di ottobre 2017 |